Patrick Marini

luglio 19, 2006

La forza poetica del non finito, 1530-33

Filed under: Arte, Formazione — π@3κ @ 1:51 pm

Prigione ridestantesi

Michelangelo Buonarrotti (Caprese, Arezzo 1475 – Roma 1564)

It is the poetic force of the so-called “unfinished” or rather the image of the tormented, growing form, the form within the material, that is reached with difficulty and recognises that this is a moment where Michelangelo extracts the “concept” from the marble that limits it with his “excessive precision”.

La forza poetica del cosiddetto «non-finito», cioè dell’immagine del tormentoso nascere della forma entro la materia, è tale che si giunge con difficoltà a riconoscere come questo sia un momento dell’operazione con cui Michelangelo arrivava a estrarre il «concetto» dal marmo che in sé lo circoscrive «col suo soverchio».

Prigione ridestantesi
Firenze, Accademia delle Belle Arti, 1530-33

Annunci

Lascia un commento »

Non c'è ancora nessun commento.

RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: