Patrick Marini

luglio 12, 2004

Che ne è del paesaggio al calare della notte? – 2004

Filed under: Inquinamento luminoso, Paesaggio — π@3κ @ 2:14 pm

di Ruth Hungerbühler e Luca Morici sociologi (Università Svizzera Italiana)
Fiat Lux. Il paesaggio notturno tra vita di notte, sicurezza, inquinamento luminoso (2004)

Al calare della notte i paesaggi si costellano di punti luminosi visibili anche a grandi distanze. Si tratta d’illuminazione pubblica e privata funzionale soprattutto alla visibilità, alla sicurezza e alla pubblicità. Tali luci sono una manifestazione dello sviluppo dell’urbanizzazione e delle infrastrutture sul territorio. A tali luci si va affiancando un’illuminazione che intende trasformare spazi, creare ambienti gradevoli e valorizzare monumenti. E’, infatti, soprattutto in nome del tempo libero e del turismo che continua oggi l’opera di trasformazione del paesaggio notturno.

E’ raro poter osservare in Europa un paesaggio che sia allo stesso tempo abitato e illuminato esclusivamente dalla luna. Le luci artificiali sono un elemento antropico privilegiato per indicare e rilevare la presenza o meno dell’uomo in un luogo. Paradossalmente la notte può lasciar vedere aspetti di un paesaggio che di giorno sono oscurati: monti che di giorno appaiono agli sguardi totalmente disabitati, di notte possono rivelarsi colonizzati dalle luci artificiali soprattutto di strade e abitazioni. I paesaggi cambiano sotto la continua riorganizzazione del territorio e l’aumento e la diffusione di luci possono spiegare come un paesaggio si sia modificato inesorabilmente nel corso del tempo se confrontato con i paesaggi della memoria: “Quello che più mi colpisce e mi impressiona di questo paesaggio notturno è che le nostre colline si sono accese. Alla sera vedi dappertutto sulle colline le luci private e pubbliche. Io ho in mente che in passato il paesaggio era molto più buio” (Davide, Lugano).

Molti paesaggi sono illuminati ancor prima che la notte sia affermata, e sino al levare del giorno. Gli abitanti che hanno questo sguardo al paesaggio, denunciano una sorta di giorno perpetuo che sottrae l’avanzare della notte o del giorno e ruba il gioco d’ombre di un’alba o di un tramonto. Per loro la presenza diffusa di luci può rendere un paesaggio notturno incompleto, sottraendo il cielo, il buio e le stelle alla notte: “Qui il paesaggio di notte è tristemente incompleto a causa delle luci delle città vicine non vediamo molte delle stelle che si vedrebbero.”(Benz, Verscio)

Dal punto di vista sociale l’inquinamento luminoso è osservato come una minaccia, non tanto per l’ambiente, quanto per la società stessa. L’illuminazione artificiale del cielo notturno, infatti, mette in pericolo la percezione dell’universo, elemento fondamentale della cultura umanistica e scientifica. Come segnala il rapporto ISTIL 2001, più di metà della popolazione dell’Unione Europea ha perso la possibilità di osservare la Via Lattea, “la propria casa nell’Universo”, ad occhio nudo.

Molti intervistati osservano, tuttavia, l’importanza del cielo stellato perché favorisce sentimenti di armonia, bellezza, umiltà, esaltazione; perché misura e ridimensiona l’uomo nel cosmo, cioè “mette in contatto con la natura”, “fa capire quanto si è piccoli e quanto sia grande l’universo”. Le stelle divengono importanti non solo per una questione estetica o romantica, ma perché “… fa parte di un percorso educativo dell’uomo accorgersi di essere su un pianeta disperso nell’universo. Ed è un percorso esistenziale che l’uomo può fare con la facilità di alzare gli occhi al cielo.” (Giovanni, Lugano).

Bisogna educare a guardare il cielo, perché il cielo non si lascia più guardare da solo.”
(Giovanni, Lugano).

Annunci

1 commento »

  1. Ormai intorno alle grande cità e in esse la notte è scomparsa. Basti pensare io abito a Cernusco S/N(Cittadina di 30.000 abitanti vicino Milano)e nelle notte migliori(senza Luna, s’intendi) la magnitudine limite è 4.5, la Via Lattea totalmente invisibile e il cielo intero presenta una colorazione rosso scuro

    Commento di Matteo Magni — aprile 4, 2011 @ 3:23 pm


RSS feed for comments on this post. TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: